Home
Biografia
Discografia
Progetti
Pubblicazioni
Recensioni
Critica
Mailing list
Contatti
Link
 
Album
   

English Biography



 
 

 

Cantante, pianista, fisarmonicista e compositrice. L’amore e la predisposizione per la musica si manifestano presto, nella sua vita: a soli 5 anni si scopre “enfant prodige”, e suona il pianoforte senza che nessuno glielo abbia insegnato.

A livello professionale, muove i suoi primi passi nel Jazz verso la metà degli anni ‘80; in questo ventennio Laura, artista eclettica e poliedrica, ha esplorato numerose e differenti forme musicali: Jazz tradizionale, main-stream, vocalese, blues, rhythm&blues, musica etnica e napoletana, canzone d’autore. Ha partecipato a moltissimi festival italiani ed internazionali, tra cui il prestigioso Jazz and Heritage Festival a New Orleans, e tenuto un gran numero di concerti in Italia, Svizzera, Germania. E’ stata ospite di numerose trasmissioni sulle principali reti televisive, ha inciso 8 dischi come solista e si è dedicata all’insegnamento ed al teatro.

Nel 95 è invitata al Premio Tenco con l’album Laura Fedele, che contiene quasi esclusivamente canzoni da lei composte; partecipa quindi alle seguenti trasmissioni televisive: Maurizio Costanzo Show, Viva Napoli, Help, nonché a Buon compleanno Biagi, dedicata ad Enzo Biagi, dove interpreta una canzone della celebre Edith Piaf.

Tra il ‘99 ed il 2000 è protagonista, insieme all’attore e cantante Giangilberto Monti, dello spettacolo musical-teatrale Il ballista e la pianista, basato su canzoni di Dario Fo, che viene messo in scena, tra gli altri, al Teatro Libero e al Teatro Verdi di Milano, e al Teatro Garage di Genova.

Si esibisce con artisti come Rob Sudduth, sassofonista originario di San Francisco e componente della band di Huey Lewis, ed Alex Schultz, chitarrista swing-blues di Los Angeles che si divide tra l’ America e l’Europa.
Nell’estate 2007 è invitata alla rassegna Just like a woman, a fianco di nomi quali Patty Smith, Dee Dee Bridgewater e Rickie Lee Jones.

Parlando di incisioni, un cenno particolare merita l’album Pornoshow, uscito nel 2003, dove Laura reinterpreta brani firmati Tom Waits, da lei stessa riadattati in lingua italiana - sotto la diretta supervisione dell’autore - un progetto ardito e singolare, nel quale la matrice jazz/ blues si sposa con echi circensi e sperimentazioni elettroniche.

Nell’ottobre 2004 Laura registra, nell’ auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare a Milano, il suo primo cd live, interamente dedicato al fascinoso ed eterogeneo repertorio della cantante Nina Simone. Independently Blue: le canzoni di Nina Simone; sempre nello stesso anno da alla luce il suo primo libro Il canto: appunti di viaggio, edito da Curci.

Dal 2005 al 2007 collabora con il mensile di musica InSound, dove ha una sua rubrica intitolata La voce.

Nel giugno del 2008 esce il cd Monna Lizard, che vede brani originali di Laura accanto a canzoni, più o meno celebri, di cantautori italiani; il disco è affidato al Laura Fedele Trio – con Stefano Dall’Ora e Gio Rossi - che rilegge e reinterpreta le canzoni con grande creatività, mixando sapientemente stili e atmosfere differenti.



Il percorso artistico di Laura Fedele procede su due binari paralleli: da una parte la ricerca di un evoluzione creativa e compositiva, legata anche all’uso della lingua italiana; dall’altra l’omaggio alla tradizione del jazz classico, che si concretizza attualmente nei progetti Blue Traces e Natural Born Swingers e, ancora, nella collaborazione con l’eccellente Big Band di Paolo Tomelleri, e con la band di Lino Patruno.

Attiva anche sul versante didattico, Laura collabora con le migliori scuole di Milano: CPM, di Franco Mussida, Accademia della Voce, Centro Voicecraft, Civica Jazz e Namm.

>>SCARICA LA BIOGRAFIA<<

     
 

© Laura Fedele - Tutti i diritti riservati
Credits